Lettori fissi

mercoledì 17 dicembre 2014

Recensione: Virginia Bramati, Meno cinque alla felicità (Mondadori)



Libellule Mondadori 2014
ISBN 9788804644255
224 pagine  10,00
13,0 x 20,0 cm
Brossura con alette
Categoria: romance contemporaneo

Trama:
Costanza Moretti, brillante giornalista in un giornale finanziario di New York, non dovrebbe farlo, e anche il suo capo (nonché amante) è molto contrariato. Ma lei ormai ha deciso: per Natale torna in Italia, a Verate. Sua mamma e sua sorella Eleonora le sembrano troppo strane al telefono, e da quando – pochi mesi fa – il papà è morto la gestione della mitica Trattoria Moretti, nel centro del paese, è tutta nelle loro mani. Non è solo la preoccupazione, però, a indurla a partire, c'è qualcosa di molto più pressante: una voce insistente che da qualche giorno la assilla, decisa a non tacere finché non avrà ottenuto ciò che vuole. Costanza quella voce la conosce bene, da sempre... è la voce di suo padre! Allucinazioni? Non si direbbe. Suo padre ha una missione segreta e lei dovrà aiutarlo a portarla a termine: entro cinque giorni, quelli che mancano al Natale! Approdata a Verate, toccherà a Costanza pensare a tutto: sua madre ed Eleonora stanno lasciando andare la trattoria, ormai servono solo il caffè e a pochi giorni dal Natale non hanno nemmeno messo mano alle decorazioni. La sola cosa di cui si sono occupate è stato allevare le solite tre oche bianche destinate a essere cucinate per il pranzo... ma hanno anche permesso a Nuccia, l'adorata nipotina, di dar loro un nome e giocarci tutto il tempo fino a considerarle le sue migliori amiche. Ma c'è un'altra sgradita sorpresa che attende Costanza: la mamma ha affittato la stanza sopra la rimessa a un uomo di cui nulla si sa se non il nome – Andrej – e il fatto che (forse) lavora come muratore, (forse) è estone e... (sicuramente!) è molto affascinante. Costanza è decisa a riprendersi la stanza mandando via l'uomo misterioso con l'aiuto di Max Bauser, fidanzato dell'amica Annalisa detta Sassi, e si rimbocca le maniche per riuscire a far tutto... Ma molte sorprese ancora l'attendono nei cinque giorni che la separano dal Natale. E intanto, la neve comincia a cadere...

Recensione: Ringrazio la Mondadori per avermi mandato il cartaceo di questo libro, che rappresenta davvero lo spirito del Natale. Ho adorato Costanza, questa giovane donna che lascia il lavoro a New York e la (deprimente) relazione con il capo, per passare il Natale in famiglia. Come in una favola moderna, c’è un elemento magico, non trascurabile: la voce del padre morto che la accompagna, con battutine sagaci e consigli che mi hanno fatta sorridere tanto.
La situazione a casa non è delle più rosee: nessuno sente lo spirito natalizio, nessuno ha preparato gli addobbi, e addirittura la stanza di Costanza è stata affittata a un uomo sconosciuto, un certo Andrej…
Costanza è una protagonista carismatica, sa farsi amare, ho trovato adorabile il suo modo di agire: impacciato e molto tenero. Decide di dare uno stacco alla sua vita precedente, lasciando il posto di giornalista a New York e il noiosissimo fidanzato Pierluigi che la considera un semplice oggetto da sfoggiare.
E poi c’è Andrej: uomo intrigante, all’inizio avvolto da un alone di mistero, si svela pian piano e noi lo conosciamo assieme alla protagonista.
Un uomo così hot che persino le oche Gedeone, Priscilla e Penelope si spostano al suo passaggio…
Il romanzo scorre limpido, molto coinvolgente nella sua semplicità: una novella rosa che fa sempre piacere leggere in questo periodo, semplice e chiara, come un fiocco di neve. Lo stile dell’autrice è fresco, descrive gli eventi con ironia ma anche con una delicatezza non comune.
Consigliatissimo per passare qualche ora serena. Una parola sulla copertina: l’ho trovata insolita e graziosa, rappresenta benissimo lo spirito del libro, una favola natalizia.


Virginia Bramati vive e lavora a Milano. E assomiglia molto, per tenacia e simpatia, alla protagonista del suo primo romanzo, Tutta colpa della neve! (e anche un po? di New York). Il libro, nato come successo del passaparola in Rete, nella versione cartacea riveduta e corretta è stato uno dei bestseller dell'inizio del 2014.

Nessun commento :

Un "mi piace" non costa nulla, è sempre gradito e basta soltanto un clic! Grazie di cuore!

La pagina ufficiale del blog su Facebook

Seguimi su Goodreads!