Lettori fissi

lunedì 17 novembre 2014

Presentazione: "Piume d'angelo" di Valentina Bertani (Narcissus)



AUTORE: Valentina Bertani

BIOGRAFIA: Sono nata il 5 marzo del 1984 nel paese in cui vivo tutt'ora. Sono un'appassionata di anime, manga, fantascienza, fantasy e videogiochi. Racconto storie da quando ho imparato a parlare. Scrivo le mie storie sul web.


CONTATTI:

TITOLO DELL’OPERA: Piume d'Angelo

TRAMA: XXV secolo. L'Umanità ha colonizzato la Galassia, ma non ha ancora eradicato le guerre. Alex e Amy sono bambine prestrutturate, assemblate in provetta, prototipi di un progetto il cui scopo è creare dei super-soldati. Questa è la loro storia, in un mondo sull'orlo del caos.

CASA EDITRICE: Narcissus Self Publishing

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2014

GENERE: Fantascienza

PUBBLICO: Ragazzi, Young Adult

PAGINE: 200 c.ca

PREZZO: 3,99 euro

REPERIBILE PRESSO:


INTERVISTA STANDARD  A VALENTINA BERTANI

1.         Ciao e benvenuto sul mio blog; ci parli un po’ di te, non come autore ma come persona?

            Sono una persona abbastanza riservata, tranquilla, un po' selvatica. Mi piace condurre una vita ritirata e amo il paesino in cui sono nata e dove vivo ancora adesso. Le avventure le cerco nei libri e nei videogiochi, ma nella vita di tutti i giorni sono di una noiosità paurosa, affezionata alla mia routine. Adoro i gatti. Mentre sto scrivendo il mio micione è accoccolato sullo schienale del divano accanto a me. Potrei stare a guardarlo dormire anche tutto il giorno. :P

2.         Quando e come è nata la tua passione per la scrittura?
            In realtà più che di passione per la scrittura io parlerei di passione per il raccontare storie. Che nel mio caso è una passione precocissima. Mia madre dice che ho cominciato che non sapevo neanche parlare... Comunque prima di iniziare a scrivere, mettevo in scena storie con le bambole, con i Lego, con i disegni... La scrittura si è rivelata lo strumento più duttile per continuare a coltivare questa mia passione, quando è passato il tempo dei giochi. Purtroppo non ho mai imparato a disegnare in modo decente... Il che un po' mi dispiace, perché leggo fumetti a tonnellate ed è un mezzo espressivo che mi piace tantissimo.

3.         Oltre alla scrittura, quali sono i tuoi interessi?
            Leggere e giocare con i videogiochi sono due delle mie passioni principali. Come lettrice sono onnivora; leggo tutto quello che colpisce il mio interesse, non solo fantascienza e fantasy. I miei videogiochi preferiti sono i giochi di ruolo, perché è come giocare a romanzi interattivi. Sarà che sono rimasta un po' infantile, ma colleziono peluche. Mi piace uscire e fare shopping, quando ho un po' di tempo libero, soprattutto di vestiti. ;)

4.         I tuoi libri e autori preferiti?
            Isaac Asimov e tutta la sua vastissima produzione di fantascienza. Di solito come preferite tra le opere di Asimov indico le Fondazioni, perché sono quelle che mi hanno influenzata di più anche nella scrittura. Un altro autore che mi piace moltissimo è William Gibson. Nel suo caso i miei romanzi preferiti sono quelli dei cicli cyberpunk. Neuromante e Aidoru in top ten. Nella letteratura per ragazzi, le mie pietre miliari sono Pollyanna di Eleanor H. Porter, Piccole donne della Alcott, Il giardino segreto della Burnett, L'isola del tesoro di Stevenson, Tom Sawyer di Mark Twain. Per quanto riguarda i contemporanei, mi sono piaciuti molto i romanzi del Mondo Emerso di Licia Troisi. Banana Yoshimoto è una delle mie autrici preferite dai tempi del liceo e, recentemente, ho scoperto John Green e Rainbow Rowell.

5.         Come è nata l’idea per il tuo romanzo?
             Piume d'Angelo ha una storia lunga... I personaggi principali, Alex e Amy, mi hanno accompagnata per tanto tempo. Sono comparse per la prima volta in un romanzo che scrissi ai tempi delle medie, di cui devo avere ancora la bozza da qualche parte... Poi sono rimaste con me anche nelle revisioni, riscritture, stesure successive. Il romanzo che leggete adesso è recente; ci ho lavorato a partire dal 2009. Già nel 2009 l'idea alla base del romanzo e i suoi personaggi erano cambiati moltissimo da quella primissima bozza. Le vicende di Piume d'Angelo così come è oggi sono un omaggio alla mia passione per anime, manga, videogiochi e per la fantascienza. In particolare le opere che mi hanno ispirato durante la stesura sono Evangelion e Gundam, le Fondazioni di Asimov e gli ultimi Final Fantasy, la trilogia di Final Fantasy XIII in particolare.

6.         A cosa ti sei ispirato per descrivere i tuoi personaggi? C’è qualcuno di loro che ti rispecchia più degli altri, o al quale ti senti più legato? Perché?
             Alex e Amy in un certo senso rappresentano due lati del mio carattere. Alex è quella a cui sono particolarmente affezionata come personaggio perché vorrei essere più come lei – se leggerete il romanzo capirete perché LOL. A parte loro, gli altri personaggi sono stati ispirati dalle mie letture e dai personaggi che ho incontrato nel mondo di anime, manga e videogiochi e che mi sono piaciuti di più come caratterizzazione.

7.         Qual è il messaggio che hai voluto lasciare ai lettori?
             Oddio, che domanda impegnativa! :D
Come spesso fanno gli scrittori di fantascienza, ho modellato il romanzo su un mondo possibile e ho trasferito in quel mondo i problemi che mi sembra di ravvisare in quello dove noi viviamo. In particolare uno dei dibattiti che mi ha incuriosita di più è quello delle possibili implicazioni dell'eugenetica, in seguito al miglioramento delle tecniche di inseminazione artificiale, la clonazione, la mappatura del DNA. Non è una cosa originalissima, ma mi sono chiesta, cosa succederebbe se queste tecniche diventassero tanto raffinate da permettere di costruire bambini a tavolino e se questa tecnologia se la riservassero i militari per avanzare i loro progetti di conquista? E questi bambini, una volta nati, addestrati, mandati nel mondo, come vivrebbero questa loro condizione? Piume d'Angelo cerca di dare una risposta a queste domande.

8.         Puoi descrivere brevemente il tuo percorso di autore e le tue esperienze?
             All'attivo al momento ho tre ebook (incluso Piume) tutti autopubblicati. Ho partecipato all'edizione 2012 del Premio Odissea della Delos, alla 26esima edizione del Calvino e all'ultima edizione di ioScrittore. Non ho avuto fortuna, ma sono state comunque esperienze formative. Scrivo soprattutto sul mio blog e su Wattpad (http://www.wattpad.com/home) e Medium (https://medium.com/). Collaboro con Parliamo Digitale (http://parliamodigitale.it/) e curo un blog di scrittura creativa con un'amica, Word in Progress (http://atelierwordinprogress.blogspot.it/), anche se al momento siamo un po' impegnate e i lavori sono fermi (ma risolveremo presto). :P

9.         Cosa ne pensi del panorama letterario odierno? Cosa vorresti dire agli autori esordienti che non hanno ancora pubblicato?
             Mah, in questo momento non credo di essere nella posizione di dare consigli. Sono anche io una principiante e mi sto ancora guardando intorno. Il panorama letterario odierno, oddio, che cosa impegnativa! Posso dire che Internet e il self-publishing offrono grandi opportunità a chi scrive in questo periodo, ma, come lettrice, io sono ancora affezionata alle case editrici tradizionali e al lavoro che svolgono. Quello che mi auspico è che anche in Italia si affermi un doppio canale, per così dire, sull'esempio anglo-americano, in cui self ed editori s'incontrino e instaurino un dialogo costruttivo.

10.       Quali sono i tuoi progetti futuri? Qualche anticipazione sulle tue pubblicazioni?
             Nel prossimo futuro (ma prossimissimo eh!) c'è il NaNoWriMo (http://nanowrimo.org/). In questo momento tutte le mie energie sono concentrate in questa impresa pazzesca, di scrivere una bozza di 50.000 parole in un mese. L'anno scorso mi ero fermata intorno alle 30.000. I prossimi progetti sulla mia to-do list sono Spirito di Vendetta (http://www.wattpad.com/story/6779484-spirito-di-vendetta) su Wattpad e ProjectA14 (https://medium.com/project-a14) su Medium. Sono entrambi in corso, in realtà e hanno davvero bisogno di essere portati a conclusione. Mi concentrerò su questi due per qualche tempo. Probabilmente diventeranno autopubblicazioni. Prima di tutto vorrei concludere questi progetti e poi si vedrà...

In bocca al lupo, Valentina!

Nessun commento :

Un "mi piace" non costa nulla, è sempre gradito e basta soltanto un clic! Grazie di cuore!

La pagina ufficiale del blog su Facebook

Seguimi su Goodreads!