Lettori fissi

venerdì 29 agosto 2014

Presentazione: "I Guardiani degli Inferi: La Sposa Oscura" di Daniela Ruggero



I Guardiani degli Inferi: La sposa oscura

In un piccolo Villaggio nascosto tra i seni delle colline rigogliose e feconde, in un tempo tanto lontano da perderne la percezione, un uomo ferito dopo essere caduto dal suo cavallo bussa alla porta di una piccola casa, la notte è buia ed il cielo minaccia tempesta ma una giovane donna appare sull'uscio e, colpita dalla disperazione del forestiero, offre il suo aiuto medicandone le ferite e preparando un pasto caldo.
Lucas attratto febbrilmente dalla sua benefattrice, la corteggia fin quando la giovane ed ingenua Annia accetta di sposarlo.
Trascorrono sette anni e, come in ogni fiaba, la loro unione è allietata dalla nascita di un bambino ma anche polverizzata dalla terribile verità celata.
Annia, scopre con terrore che il suo sposo, bello come solo il peccato può esserlo, è in realtà Lucifero materializzato nella dimensione umana alla ricerca dell'unica donna capace di accogliere nel suo ventre il frutto degli Inferi, un'Eletta della Luce, dotata di un potere smisurato sul quale si basa l'intero equilibrio dei mondi ed il destino dei mortali. Temendo per la sorte del suo bambino decide di fuggire lontano, ma non ci si può sottrarre al male e Lucifero rapisce il piccolo ed insieme sprofondano agli inferi.
Trascorrono millecinquecento anni, la donna resa immortale e maledetta dal suo sposo dannato, fonda la Congrega delle Elette, accoglie le dotate al fine di addestrarle e proteggerle dal male e, quando assorbe il massimo del potere, invoca il figlio Marcus che si palesa attratto dalla forza della madre, accompagnato dai suoi cinque Guardiani e dal suo Guaritore. Annia e sei donne sacrificano la loro vita creando sette sigilli capaci di segregare i demoni agli inferi ed il figlio e i suoi seguaci sulla terra, l'ultimo atto d'amore è quello di donare loro una scintilla di Luce che penetra nei sette cuori dannati, nella speranza che possano percepire anch'essi una fiamma d'amore e salda, con il proprio sangue, le porte di Luce.
Nessuna creatura potrà mai aprire i cancelli se non con l'aiuto di un'Eletta al cui sangue deve essere mescolato quello di un demone di grande potere, ciò reso impossibile dalla stessa segregazione demoniaca.
La storia inizia dove finisce la vita di Annia.

Questo il link d'acquisto Amazon

Stralci del libro
1.  Selene è alla Villa con Marcus e gli altri Guardiani, il giorno dopo dovrà tornare alla Congrega... è un momento molto dolce

Selene sobbalzò nel letto scossa dai sogni turbolenti che puntuali le facevano visita ogni notte. Si soffermò a guardare Adrian e Febe che dormivano abbracciati come due amanti clandestini, sorrise, la sua amica stava vivendo il suo sogno meraviglioso, non l'avrebbe disturbata, amare qualcuno che non contraccambia quel sentimento doveva essere qualcosa di profondamente doloroso, sospirò, amare qualcuno che vuole il tuo sangue per aprire le porte al male era decisamente doloroso, poteva comprenderla, si alzò silenziosa, in punta dei piedi ed uscì dalla stanza.
Il corridoio era illuminato da piccole luci soffuse, la bellezza di quella Villa era pari a quella dei suoi abitanti, scese le scale facendo attenzione a non fare alcun rumore, si tenne forte alla passa mano quando arrivò l'ultimo gradino si diresse in cucina guardandosi intorno circospetta, nessun rumore, nessun respiro, aprì il frigorifero e prese dell'acqua la versò in un bicchiere e si avvicinò alle grandi finestre.  
Dallo scorcio di giardino che le offriva non poteva far altro che apprezzarne la bellezza. Gli alberi da frutto rigogliosi, i fiori e le piante sembravano finti tanto erano curati vide la luna, fiera e maestosa nella sua luce pallida, i brividi le percorsero la pelle propagandosi lenti in tutto il suo corpo, quando notò il cerchio rosso contornarla «La luna si sangue» sussurrò decisa, «porta sventura» appoggiò la testa al muro rapita e vide l'immagine di Marcus riflessa nei vetri, appoggiò la mano e sentì sotto i polpastrelli delle gelide scosse, la ritrasse spaventata,
«Gli scudi di Alexander» sobbalzò, credeva di essere stata preda di un allucinazione Marcus era davvero dietro di lei, la guardava inespressivo, «ti ho spaventata?»
«Un po'», la raggiunse, così vicini, così terribilmente e profondamente vicini, alzò gli occhi fissando il cielo,
«E' la luna che ti rapisce in questo modo?»
«Si, è meravigliosa ma allo stesso tempo spettrale» allungò il dito per indicare un punto preciso «vedi il cerchio rosso che la circonda? E' presagio di sventura, ogni qual volta nel cielo si alza il velo e la luna è offuscata dal mantello rosso, il sipario che separa i mondi si assottiglia e...»
«E le creature degli inferi danzano incantando gli esseri umani» terminò Marcus, lei si voltò guardandolo seria, lui le prese le mani e ne baciò i palmi «conosco le profezie Eletta, le ha scritte mia madre. Ho studiato, l'eternità è molto lunga, è fondamentale trovare qualcosa da fare quando si è lontani dalla propria casa» sorrise mentre una dolce melodia iniziò a cullarli «balla con me Eletta, non vorrei offendere colei che mi ha dato la vita» la cinse per la i fianchi senza attendere la sua risposta, lei si lasciò trasportare appoggiandole la testa sul petto, il cuore batteva regolare, forte, deciso.....

2. 

Selene lo guardò silenziosamente, non avrebbe mai potuto dimenticare il fuoco acceso nel suo sguardo, tinozze ardenti, lava liquida che scaldò il gelo che si era impossessato della sua anima. Mentre anche l'ultima parvenza di lucidità si scioglieva come il ghiaccio al sole, ed il suo cuore esplodeva in mille pezzi, dal dolore e dall'angoscia che soffocava il suo ultimo respiro, lui la guardò un'ultima intensa volta ed accolse dentro di se tutta la sua anima creando la sua Sposa Oscura.


3: La dedica è per tre amiche dell'autrice e per Nicole, la sua piccola cucciola volata in cielo 


A Febe la Guardiana del mio spirito,
senza di lei questa storia
non sarebbe mai stata raccontata
A Laura che conosce nel profondo il significato
della parola amore
A Sonia forte come la roccia e calma come un lago
e a te Nicole
mio piccolo angelo,
ti ho amata dal primo all'ultimo battito di cuore

Nessun commento :

Un "mi piace" non costa nulla, è sempre gradito e basta soltanto un clic! Grazie di cuore!

La pagina ufficiale del blog su Facebook

Seguimi su Goodreads!